domenica 4 dicembre 2011

Gli stereotipi sono duri a morire



Gli sterotipi sono duri a morire, lo sappiamo bene. 
Quest'intervista è di alcuni anni fa, le cose sono un po' cambiate ma è comunque interessante ascoltare il punto di vista degli spagnoli sugli italiani.
Guardate il video e fate le attività.Fate anche l'attività 3, che prevede una piccola ricerca su internet.



Attività 1)
Guarda il video tutte le volte necessarie e rispondi alle domande del questionario e dopo aver risposto controlla le risposte.

Attività 2) 
Sei d'accordo con quello che dice Escolar sugli italiani? Sei d'accordo con quello che dice il giornalista italiano (che esprime opinioni personali e soggettive)? Qual è la tua opinione sull'Italia e sugli italiani? Qual è l'idea che gli spagnoli hanno degli italiani? Come pensi che gli italiani vedano se stessi e l'Italia? Se sei stato in Italia qualche volta, la realtà italiana era differente da come l'avevi immaginata? Scrivi le tue opinioni nei commenti

Attività 3)
I post-it qui sotto sono pareri sugli italiani dati da persone italiane e straniere. Aggiungi i tuoi post-it sul manifesto qui sotto, cercando in internet (Google.it per esempio) pareri sugli italiani e poi scrivili ed aggiungili nel quadro qui sotto. Farlo è facile, vai sulla barra dove c'è scritto Il Bel Paese, trascina un post-it nel riquadro, scrivi e lascia il post-it. Vediamo chi riesce a trovare le cose più interessanti sugli italiani, che così poi facciamo un bel poster online!

12 commenti:

Nacho ha detto...

In generale, il video mi sembra parziale e semplicistico. È vero, come dice Escolar, che gli spagnoli ammiramo el senso del divertimento e la capacità di vendere il turismo e la moda degli italiani, ma questo parte di un complesso di inferiorità innato in spagnoli; si analizziamo i dati effettivamente, negli ultimi anni questo è cambiato molto: il nostro turismo è salito dal livello, e abbiamo aziende come Zara, cuochi internazionali e molti ristoranti di cucina spagnola per tutto il mondo. Per quanto quello che afirma il giornalista, criticando gli spagnoli per l’opinione di una ministra (sebbene concordo con lei), o le nevicate che crollò l’aeroporto di Madrid e le strade di una parte di Spagna una sola volta, mi sembra abbastanza tendencioso.
Devo dire che Italia mi piace tantísimo, che sono stato lì un sacco di volte e visitando parecchie zone. Ma la prima volta che sono andato lì, ho avuto la sensazione di essere in un paese un pò meno svilupatto dalla Spagna; gli spagnoli, negli ultimi anni, abbiamo fatto un grande sforzo per modernizarci che invece non l’hanno fatto gli italiani, sopra tutto dal punto di vista sociologico.

Fabrizio ha detto...

Bravissimo Nacho!

Verónica ha detto...

Sono stata in Italia per prima volta 6 anni fa, a Roma, e pensavo che gli italiani erano persone molto aperte, chiacchieroni, con molto senso del divertimento, quasi come credo che pensano la maggioranza degli spagnoli. Ma quando sono stata a Firenze l´anno scorso per 10 mesi, il mio pensiero è cambiato abbastanza. Non so se si tratta di una cosa particolare di Firenze o del Nord, ma adesso mi sembrano persone molto chiuse. È molto diversa la relazione che dal mio punto di vista hanno con il turista che con gli estranieri che rimangono lì. All´università pochi italiani parlavano con noi erasmus. Una mia amica di Bergamo mi ha detto che anche con lei i fiorentini erano chiusi, dunque, penso che non è solo una mia impressione come erasmus.

In rapporto con la cultura Italia è ed anche sarà sempre grande grazie all´arte e alle sue rovine, ma penso che gli spagnoli non doviamo essere gelosi in questo senso, perché abbiamo anche un bello e grande patrimonio che ancora dev´essere più sovvenzionato.

Quasi tutti gli spagnoli pensano che gli italiani magiano soltanto pasta e pizza. Ma dopo aver vissuto lì mi sono rendito conto che questo cibo è soltanto una parte della gastronomia del Bel Paese. Tra i diversi regioni possiamo trovare tantissimi piatti diversi, ed anche la pasta e la pizza cucinata in diversi modi.

La politica di entrambi non è stabile in questo momento. Ma penso che forse è peggio la situazione di Italia tra la corruzione del governo (speriamo che adesso cambie con il nuovo) e la crisi economica.

Paloma ha detto...

Sono abbastanza d'accordo con le cose che dice Escolar, è vero che gli italiani sanno come vendersi molto bene. È anche vero che mi fa schiffo il rumbo politico di questi ultimi anni. Comunque, non m'è piacuto neanche il rumbo della Spagna.

Ho sempre visto l'Italia come il paese più bello su cui imparare molte cose d'arte, ma anche como quello con la politica che non vorrei avere mai.
Penso che gli spagnoli ammiriamo molto l'Italia: innanzitutto, l'arte. Ma anche pensiamo che gli italiani sono maschiliste, superbi e che il suo giorno scorre attacando bottone.

Quando sono andata in Italia sono stata affascinata per l'arte. La gente, in generale, è amabile (se sei d'accordo con loro).

Per finire, sono maravigliata per quello che ha fatto il nuevo ministro dell'Economia e delle Finanze, Mario Monti, chi ha accettato volentieri di non guadagnare tutto quello che gli corresponde per il suo nuevo ufficio. Questo dovrebb'essere un bell'essempio per la Spagna, in cui, ci lamentiamo molto, ma facciamo poche cose prattiche.

Fabrizio ha detto...

Interessante quello che dici Veronica. Paloma, cosa è il "rumbo"? Ê il marito della "rumba" (famoso ballo) In italiano, che io sappia, non esiste quella parola...:)

Miguel Rodríguez Clap ha detto...

Penso che le cose hanno cambiato. Oggi, noi abbiamo aziende conosciute in tutto il mondo (come Zara, il Banco Santander, Repsol, ecc.) ma ci siamo riso conto che i nostri politici non sono molto megliori degli italiani. Penso che gli spagnoli vediamo gli italiani uguali a noi. Sono il nostro punto di riferimento per sapere se siamo sulla buona strada.

Penso che per gli spagnoli, gli italiani sono molto similari a noi stessi. Forse più eleganti ma tanto allegri e aperti come noi, sopratutto nel sud dell'Italia. Sono anche più romantici.

Fa molto tempo che non vado in Italia, ma mi sembra che succeda lo stesso che in Spagna. La gente del sud è più aperta, più socievole. La gente del nord è più seria ed ha un carattere più asciutto. È come le differenze tra la gente del campo e della città. Nella mia opinione, abbiamo più cose in ocmune che differenci che ci separano.

Paloma ha detto...

hahahaha, questo è l'itagnolo di Paloma ^^

pamivet ha detto...

Vorrei dire direzione.

Teresa ha detto...

Quello che dice Escolar sul commercio é vero perchè fuori della Spagna non si vedono molti prodotti spagnoli invece si se vedono gli italiani. Per esempio negli Stati Uniti ci sono tanti prodotti italiani che si vendono come mediterranei ed é veramente difficile trovare l’olio o qualcosa spagnola.
Nel senso del divertimento penso che siamo abbastanza simile ma fuori delle nostre frontiere siamo conosciutti come il Paese della festa e della “Siesta”, é per questo e altre cose similare che la Spagna non é rispettata nella UE. Credo che entrambi i due Governi sono corrotti, sebbene la situazione italiana e piú conosciutta, nonostante il governo italiano ha una forza maggiore nella UE.
Il giornalista italiano ,come dice Fabrizio, esprime una opinione personale che manifesta odio per gli spagnoli . Sono stata in Italia parecchie volte, ma ricordo la prima volta che sono andata li con i miei genitori, loro hanno detto che l’Italia sembrava la Spagna da quaranta anni fa. Ho sempre pensato che eravamo due paesi abbastanza uguali ma adesso non penso lo stesso. Comunque non é difficile trovare spagnoli abitando in Italia e viceversa, forse perché siamo i paesi piú simili.
Quello che io ammiro é il fatto che malgrado tutte le lingue che parlano gli italiani loro hanno un senso piú forte da ‘nazione’ dal nostro.

ANA BERNAL ha detto...

Sono dʼaccordo che noi spagnoli ammiriamo molto il modo di vendere il prodotto italiano
allʼestero, ma situazione politica, negli ultimi anni, è stata vergognosa. Ho vissuto
in Italia 7 mesi, e pensavo che le nostre culture si assomigliassero di più...La mia opinione
sugli italiani è che hanno una cultura del mangiare pazzesca, è un popolo gentilissimo
soprattuto nei confronti degli stranieri, e hanno anche una considerazione della famiglia
che va oltre ogni cosa, soprattutto gli uomini hanno un rispetto enorme verso le madri.
Hanno una elevata bravura nel corteggiamento e sono molti educati, però purtroppo per
tante cose hanno una mentalità troppo chiusa rispetto a noi spagnoli. Parlando dellʼItalia in
generale dirò che è un paese bellissimo, ricco in tante cose: cultura, storia, industrie
strepitose ma la sua politica fa ridere. Lʼidea che gli spagnoli hanno degli italiani è di
uomini che corteggiano, che corteggiano, che alzano la voce per parlare, e che sono pazzi
per il calcio come siamo qua. Il rapporto che ho con la gente giovane in Italia pensano lo
stesso...si vergognano della situazione politica e affermano che per trionfare devi andare
allʼestero. Personalmente pensavo prima di arrivare in Italia e addentrarmi nella vita
giornaliera degli italiani che era una cultura più simile, ma dopo del tempo e situazioni di
vita che vissuto ho realizzato le di differenze in tante cose, anche se è un paese e una
cultura delle quali sono innamorata e dalle quali ho imparato tante cose come ad esempio
le cose che si devono fare e quelle che non di devono fare...

Aruca Montes ha detto...

Penso che quelo chi dice il giornalista spagnolo e molto acetato, anche il giornalista italiano dice tante cose chi sono veritá, ma non si puo ugualare un paese a i suoi politiche.Anche penso che l´Italia e il paese europeo che piú si sembra alla Sapagan e anche gli italiani, ma penso che gli italiani sono piu maschilista o lo facciano di un forma piu esplicita.

Alfonso ha detto...

Il video è tendenzioso perchè il presentatore sostiene una opinione come se fosse una competizione, penso che è vero quello che dice il giornalista di público e come dice Teresa: come nazione l'italia ha saputo farsi conoscere dal'estero, diciamo che ha presso dei simboli forti per farsi identificare;moda, cucina, romanticismo (secondo me questo sarebbe propio da studiare) e perche non dirlo anche la mafia e una delle cose più conosciute dagli italiani, oltre a questo mostra un caratere di moda e design che e valorato e ammirato per il post-modernismo,il sistema,la cultura e il momento attuale, invece gli spagnoli non l'hanno fatto dal'stesso modo si fanno conoscere inanzitutto per Andalucia, flamenco, siesta, tauromaquia, paella e sangria... ma questo secondo me, è una cosa comprensibile se guardiamo come si è svilupata l'istoria dello stato spagnolo attuale, come ad esempio la bandiera che direi si può concepire come il simbolo massimo de una nazione è stata cambiata da la legittimità tramite una guerra civile per i vincenti e dopo messa a presione per cuaranta anni di ditattora (un tempo così lungo che veramente non hanno tutti paesi e aparte di altre considerazioni ,influisce abastanza ne l'idea di nazione di tante persone), anche se con la democrazia le cose cambianno, il pasato non si cancella facile,eppure questo è collegato a ciò che sentono gli independentisti e i sentimenti nazionali dentro dello stato spagnolo che sono un po particolari e sono stati svilupatti diversamente confronto quelli italiani, sentimenti di appartenenza a una comunità che a eccezione de la lega nord, essendo questi radicalmente diferenti e quantitativamente inferiori,non si consideranno a se stessi come "nazione" ( anche a questo punto si potrebbe parlare del nord d'italia e il suo passato contro il sud ,perche anche l'unita d'italia si è fatta con un alto prezzo),inssoma, creddo che col tempo le cose cambieranno ma non dobbiamo negare il nostro passato, anzi dobbiamo essere ( ognuno nel senso che preferisce) fieri delle cose belle che abbiamo fatto e le donne e gli uomini che hanno vissuto queste terre. Gli italiani sono diversi da noi anche se sono mediterranei ma ho potuto comprobare che gli piace assai Spagna, magari ad alcuni no al'inizio perchè devonno togliere certi miti su di noi(come tutti) ma col tempo spagnoli e italiani ci rendiamo conto di quante cose possiamo imparare da una parte al'altra.

Vi saluto con una canzone di un clasico italiano, vale la pena sentirla.

Gaber

http://www.youtube.com/watch?v=5aWYkwV-pn0